<--! Meta Tag di Google by Mauro (account mauro) -->

Trascrizione di una conversazione reale tra dottore e allenatore

Dott: Molti dei miei pazienti non dovrebbero eseguire il Deadlift.

Trainer: Quali, dottore?

Dott: Molti sono anziani, con problemi deambulatori, fragili, deboli o soffrono di osteoporosi.

Trainer: Dottore, lascerebbe andare un suo di questi pazienti, diciamo una donna anziana a fare la spesa o comprare il cibo per i gatti in un negozio?

Dott: Certo, a patto che non sia molto lontano.

Trainer: Bene, immagini che tornando a casa la signora, arrivando davanti alla porta si ricordi di avere le chiavi in tasca. Dal punto di vista medico, le sarebbe permesso poggiare la busta a terra, prendere le chiavi dalla tasca, raccogliere a questo punto la busta ed entrare?

Dott: Certo, sono attività essenziali.

Trainer: Dal mio punto di vista l’unica differenza tra noi due è che io voglio mostrarle come eseguire questa “attività essenziale” in modo sicuro, mentre lei no.

Dott: Ho capito dove vuole arrivare. La sua argomentazione è ragionevole.

Trainer: Bene, ora abbiamo giusto scalfito la superficie.

[maxbutton id=”6″ url=”https://www.wepascience.it/personal-trainer” ]
Come fare gli stacchi col bilanciere - dead lift healthlift

Clinica dell’HealthLIft.

L’ Healthlift (Deadlift), come lo squat, è un movimento funzionale essenziale. Meglio chiamarlo così!

Che il vostro obiettivo sia riabilitare la propria schiena, mantenere l’indipendenza anche in età avanzata, aumentare la performance o accelerare il metabolismo questo esercizio può esservi utile. L’Healthlift essendo un modo per raccogliere le cose, ha la stessa funzionalità di azioni come stare in piedi, saltare, correre o lanciare ed è uno strumento utile per il miglioramento delle abilità fisiche generali.

Tecnica dell’Healthlift.

  • Partenza da terra.
  • Posizione, ampiezza del bacino e larghezza delle spalle. Spalle leggermente avanti alla barra.
  • Peso sui talloni.
  • Curva lombare mantenuta.
  • Barra sempre in contatto dai stanchi sino alle gambe.
  • Braccia ferme e dritte.
  • Presa al di fuori delle ginocchia.
  • Attivazione del dorso dei tricipiti e degli addominali.
[maxbutton id=”7″ url=”https://wepascience.it/personal-trainer/” ]

Biomeccanica dell’Healthlift.

  • Fase di spinta. Spingere attraverso i talloni
  • Fase di salita. Stendere le gambe, mentre le anche e le spalle si sollevano mantenendo lo stesso angolo. Una volta che la barra oltrepassa le gambe il bacino si apre e le ginocchia sono dritte
  • Fase di discesa. Spingere le anche all indietro e le spalle leggermente in avanti, ritardare il piegamento del ginocchio

Consigli e sviluppo.

  • Eseguire l’healtlift almeno 1 volta a settimana, con poco meno del peso Max. (%RM), e se possibile inserirlo nella programmazione anche in un’altra giornata settimanale dove si prova la tecnica (carico basso, poche ripetizioni).
  • Lo sviluppo principale dell’esercizio prevede il sollevamento del proprio peso, del doppio del proprio peso, del triplo del proprio peso, i parametri sono principiante, intermedio ed avanzato.

Sperimentate regolarmente prese miste (parallele e in fase o miste).

A breve il secondo articolo sulla progressione tecnica e sviluppo del Deadlif.

Passo e chiudo.

Sign. http://www.escperformance.eu/
Pagina FB: https://www.facebook.com/Performance-Team-ESC-Extreme-Strength-Conditioning-821398421291759/?ref=hl

Strength and Conditioning specialist. Trainer Alessandro Pucino

lascia un commento

WhatsApp chat